Offerta! Salame Di Capra

Salame Di Capra

F51P005

Salame di capra, uno dei prodotti tipici del Piemonte, senza glutine, senza lattosio, senza OGM. Disponibile in confezione sotto vuoto. Peso totale di 360¬†gr (¬Ī10%).

Maggiori informazioni

Disponibile

Invia ad un amico

Salame Di Capra

Salame Di Capra

Salame di capra, uno dei prodotti tipici del Piemonte, senza glutine, senza lattosio, senza OGM. Disponibile in confezione sotto vuoto. Peso totale di 360¬†gr (¬Ī10%).

Destinatario :

* Campi richiesti

  o  Annulla

6,16 ‚ā¨

-30%

8,80 ‚ā¨

Invia ad un amico

Salame Di Capra

Salame Di Capra

Salame di capra, uno dei prodotti tipici del Piemonte, senza glutine, senza lattosio, senza OGM. Disponibile in confezione sotto vuoto. Peso totale di 360¬†gr (¬Ī10%).

Destinatario :

* Campi richiesti

  o  Annulla



Prodotto da:

SALAME DI CAPRA

Il salame di capra è uno dei prodotti tipici del Piemonte con un inconfondibile sapore


Chiamato nel dialetto locale "Susiccia d’crava" è diffuso soprattutto in tutto l’arco alpino piemontese, nella Comunità Montana Valli di Lanzo nel Canavese, nel Verbano Cusio Ossola e nelle zone della Valsesia.


Insaccato prodotto in dimensioni medio piccole legati in file, √® realizzato con carni di prima scelta accuratamente selezionate - 50% carne di capra e 50% carne di suino ‚Äď secondo i dettami della tradizione piemontese.


Non contiene lattosio, senza fonti di glutine, senza OGM.


Disponibile in confezione¬†sottovuoto. Peso totale 360 gr¬†(¬Ī10%)


Prodotto da: Salumificio Dessilani



SCOPRI DI PIU'

IL SALAME

Il termine latino "salamen" in passato indicava solitamente pi√Ļ che la carne conservata sotto sale, il pesce salato, cio√® baccal√† e stoccafisso.


Nel quattrocento il pesce era ancora venduto nelle botteghe dei lardaioli insieme a carni e insaccati.


Per estensione, il termine salamen, finirà per diventare la radice etimologica di salume e, in particolare, finirà per indicare proprio il salame.


Il primo riscontro storico relativo alla parola salame si scopre in un ordine di acquisto del 1436 a firma Niccolò Piccinino, un mercenario assoldato da Filippo Maria Visconti, duca di Milano, nel quale venivano acquistati 20 maiali da trasformare in salami.


La prima volta, invece, che la parola salame compare in un annuario di cucina, risale al 1581.


Vincenzo Cervio, personaggio al servizio del cardinal Alessandro Farnese e noto per alcuni trattati sul modo di trinciare la carne, utilizza il termine salame per indicare un insaccato di carne suina, infilato in budello di forma cilindrica, condito con sale e pepe in grani e successivamente stagionato.

Ti consigliamo anche