Miele di Rododendro 400gr

F05P015

Il Miele di Rododendro di montagna è un miele raro, naturale ed al 100% miele italiano. Ottimo per una sana colazione, è indicato contro l'artrite e come ricostituente. Disponibile in vasetto da 400 gr.

Maggiori informazioni

Disponibile

Invia ad un amico

Penne Mancini 500 gr

Penne Mancini 500 gr

Le Penne Mancini sono una pasta artigianale prodotta con grano coltivato nei campi dell'azienda. Le Penne Mancini sono estremamente versatili e esaltano qualsiasi tipo di sugo: da quelli più tradizionali a base di carne e pomodoro, a quelli più originali a base di formaggi e verdure. Le Penne Mancini sono ottime anche per la preparazione di pasticci di pasta al forno. Confezione da 500 gr.

Destinatario :

* Campi richiesti

  o  Annulla

8,40 €

Invia ad un amico

Penne Mancini 500 gr

Penne Mancini 500 gr

Le Penne Mancini sono una pasta artigianale prodotta con grano coltivato nei campi dell'azienda. Le Penne Mancini sono estremamente versatili e esaltano qualsiasi tipo di sugo: da quelli più tradizionali a base di carne e pomodoro, a quelli più originali a base di formaggi e verdure. Le Penne Mancini sono ottime anche per la preparazione di pasticci di pasta al forno. Confezione da 500 gr.

Destinatario :

* Campi richiesti

  o  Annulla



Prodotto da:

MIELE DI RODODENDRO

E' un miele di montagna raro, 100% miele italiano.

La sua rarità è dovuta alla difficoltà per le api di vivere in zone di montagna e alla breve fioritura della pianta.


Si caratterizza per la sua dolcezza non invadente e per la delicatezza del suo aroma.

Colore chiaro tendente all'oro, consistenza estremamente cremosa.


INGREDIENTI:

100% miele italiano di rododendro


VALORI NUTRIZIONALI (valori per 100 gr di prodotto):

  • valore energetico: 322 kcal (1347 kJ)
  • grassi: 0 g (di cui acidi grassi saturi: 0 g)
  • carboidrati: 80,0 g (di cui zuccheri: 80,0 g)
  • proteine: 0,6 g

E' indicato contro l'artrite ed è ottimo come ricostituente e come calmante centri nervosi.



SCOPRI DI PIU'

IL MIELE

Nasce dall'azione dei succhi gastrici delle api sul nettare dei fiori: il saccarosio del nettare viene trasformato in glucosio e fruttosio, due zuccheri semplici che il nostro corpo assorbe direttamente, senza bisogno di digestione


Numerose sperimentazioni hanno dimostrato la capacità del miele e dei suoi derivati (pappa reale, propoli) di favorire la cicatrizzazione di bruciature e ferite, attenuare le irritazioni della gola e fungere da ricostituente e antianemico.


Raffigurazioni rupestri che risalgono a trentacinquemila anni fa, ritrovate in Spagna ed Africa, mostrano esseri umani intenti a raccogliere favi carichi di miele e testimoniano come l'uomo sapesse già riconoscere il suo valore.


I romani importavano grandi quantitativi di miele da Creta, Cipro e Malta, per accompagnare i cibi (salati o dolci).


Oltre a qualità alimentari e curative, il miele ha sempre avuto anche valori rituali e culturali riconosciuti in quasi tutte le aree del mondo.


Nella letteratura greca, romana ed araba "il liquido dorato", mescolato ad erbe e spezie, diventava l'idromele, bevanda considerata anche un potente afrodisiaco.


Pitagora lo raccomandava quale alimento di lunga vita, e le credenze popolari gli attribuivano qualità di sviluppare saggezza ed eloquenza se somministrato abbondantemente durante l'infanzia.


Nell'VIII secolo Carlo Magno regolamentò lo sfruttamento delle api selvatiche nei possedimenti imperiali, mentre nel XIV secolo fu presso le grandi abbazie che vennero perfezionate le tecniche d'allevamento dei piccoli insetti.


Rita e Paolo non sono solo semplici apicoltori, direi che hanno un rapporto molto personale con le loro api.


Ce le descrivono, infatti, come le loro piccole e laboriose "bambine".


Il loro prodotto è il frutto di questa perfetta collaborazione.

Ti consigliamo anche